Il Brunitoio

A+ R A-

Marco Bertino


Appuntamenti con la Grafica d'autore
incisioni
dal 17 ottobre al  8 novembre 2015

“Una ricerca incessante. Una minuziosa capacità d’indagine al di là del possibile, oltre il visibile. Un sapiente lavoro di estrapolazione fino a raggiungere l’elemento ultimo che rappresenta l’origine prima dell’esistenza. 

Marco Bertino orienta il suo cammino artistico al sostanziale e concentra il suo sguardo sull’infinitamente piccolo, immagina di esplorarne la materia, di scavarne l’ossatura che la compone e di renderla visibile. 

L’occhio dell’incisore, come un microscopio, fissa nella memoria immagini ingrandite di dettagli altrimenti invisibili allo sguardo spesso superficiale e distratto della quotidianità umana.

Marco Bertino sembra trarre le immagini dal mondo minerale, vegetale e dal paesaggio naturale in generale. Esse emergono dalla carta come fossero sculture, attraverso tratti che figurano un movimento, un tragitto che è espressione di tutta la vitalità fuoriuscita dalla materia”. 

“Le stampe riproducono scappatoie dentro luoghi inesplorati, porte e finestre aperte sulla vita. La trasposizione del piccolo nel grande ci restituisce tutto il senso dell’esistenza, il segreto più intimo della creazione. 

L’infinitamente piccolo e recondito e l’infinitamente grande e lontano sono due estremi che in un certo senso si avvicinano in una comprensione unitaria della natura. 

Così Bertino fa corrispondere le nervature proprie di un minerale, alla consistenza materica della pietra che sembra formare gradini senza fine: una scalinata lungo la quale siamo tutti invitati a camminare. Un’efficace metafora della vita.”

Marco Bertino nasce in Svizzera nel 1953, si avvia all’incisione nel 1974 diplomandosi alla Scuola Superiore di Arti Visive di Ginevra. Ha realizzato, tra l’altro, timbri di obliterazione speciale per le Poste Svizzere e stampa per il “Cabinet des Estampes di Ginevra. Membro dal 1984 di Visarte, dal 2004 aderisce al gruppo di artisti incisori  “Le Signe e la Marge” Parigi.

Dal 1977 espone regolarmente in patria e all’estero.

Negli ultimi anni ha esposto, tra l’altro, a Taiwan – Esposizione internazionale di incisione, a Cremona – l’Arte e il Torchio, a Parigi – 10ª biennale di arte contemporanea e presso la Fondazione Taylor a Parigi.