Il Brunitoio

A+ R A-

Rodolfo Aricò

Appuntamenti con la Grafica d'autore

La prospettiva elusa

2 - 24 settembre 2006

...Rodolfo Aricò ha definito e tracciato i limiti delle sue opere per poi indagarli e negarli. L’attenzione all’uso di telai dalle forme non usuali e policicliche, capaci di unire lati retti a curvi, o di carte e tele liberamente “impacchettate” o “stese” come nelle Sere, sono i segni di un’attenzione costante alla nozione di margine conseguente alla ricerca mai con-chiusa sulle ragioni e le apparenze della rappresentazione spaziale. Il confine del quadro, a volte una fine non finita, è il terreno contradditorio dove si confrontano il senso dell’immagine non-oggettiva, quello della ragione e quello dell’inconscio: aperto e logico quando il suo bordo è articolato e netto; fluttuante e instabile quando è percorso e impregnato da una stesura cromatica disomogenea o a piccoli fitti tocchi.

Fabrizio Parachini